18 giugno 2024

Un quaderno sullo sfondo con degli occhiali in primo piano, una candelina accesa e un ramo di edera. La composizione evoca serenità e rilassatezza.

Riposare non significa #oziare, così come fermarsi, non è sinonimo di resa. Fare non implica automaticamente raggiungere degli #obiettivi, così come un #errore non è per forza un #fallimento. Nella giornata di oggi, prova a trasformare il tuo solito pensare: le parole hanno un’energia potente che va dosata con parsimonia e attenzione. Sii scrupolos* nei termini che usi, negli aggettivi che scegli, nei #giudizi che emetti. Prediligi la #gentilezza all’#aggressività, un sorriso al silenzio, la gratitudine all’#indifferenza. Forse ti potrà sembrare banale, ma è nelle piccolezze del quotidiano che creiamo un mondo migliore. Per noi e per gli altri.

11 giugno 2024

Ridi, di quella #risata che fa bene al #cuore. Non trovare un pretesto per farlo, una scusa, una ragione, una buona #motivazione. Non aspettare. Se ti sembra difficile o di non poterci riuscire, prova davanti allo specchio. Anche se il tuo #umore lo senti basso: avverti #sconforto, #frustrazione, #rabbia… inizia con il fare qualche piccola smorfia. Con dolcezza, lascia che gli angoli delle labbra si alzino, che la mascella non sia più così serrata, che il viso si ammorbidisca… guardati negli occhi e prova a cercare, dentro di loro, quella fiamma scintillante che a volte dimentichiamo di alimentare. Il resto verrà da sè… a volte basta davvero poco, perchè qualcosa di diverso accada. Inizia.

Una pila di sassi crollata su di una trave di legno.

27 maggio 2024

Onora il crollo. Non cercare a tutti i costi di mantenere l’#equilibrio, la #struttura, la #forma. Onora tutti quei momenti in cui non riesci più a stare in piedi e hai bisogno di sederti, quando ti sembra di non avere più il #controllo, quando non sai più se stai sulla strada più giusta per te e i tuoi #obiettivi. Onora quell’istante in cui realizzi che niente è più come prima, che non ce la fai più ad andare avanti senza che qualcosa cambi. Onora la #frustrazione, la #delusione, la #sofferenza, il #fallimento, quando si presentano. Perchè qualcosa si trasformi, è necessario sentirne il #bisogno, percepirne la #motivazione, vederne le #ragioni ed avere chiaro che si è di fronte ad una scelta che si desidera compiere: ri-cominciare.

Una brillante luna piena fa capolino tra diverse nubi

4 maggio 2024

Non lasciare che i #disguidi diventino #macigni. Sii cert* del cammino percorso, della strada fatta e dei tanti nodi che sei riuscit* a sciogliere. Non sempre le stelle brillano mostrandosi in tutta la loro bellezza. A volte ci sono nubi che le nascondono… e allora la #fiducia e la #pazienza sono alleate preziose. Non boicottarti pensando al #disagio di un momento. Le #evoluzioni e i #risultati, si misurano partendo dal principio. Nelle #relazioni, nei #progetti, nella #vita.

Un fiore di pesco appena sbocciato.

29 aprile 2024

Concedi a questo istante di essere così com’è; permetti a te stesso di essere esattamente così come sei. (Jon Kabat Zinn)

Non è superfluo e neppure scontato. Nella giornata di oggi, prova a prenderti del tempo per sentire come sarebbe per te stess* sospendere qualcunque tipo di #giudizio, di #aspettativa o di #valutazione. Se non avessi nessuno al quale rispondere, nessun modello al quale aderire, nessun esempio a cui ispirarti… se potessi solamente stare con quello che c’è: con le tue #emozioni, i tuoi #pensieri, le tue #sensazioni… se potessi assecondare quello di cui hai veramente #bisogno: mangiare il giusto, riposarti se ti senti stanc*, restare in #silenzio se non hai voglia di parlare… cosa potrebbe accadere? Noi non siamo il nostro #disagio, ma è importante ascoltarne le sfumature quando si presenta. Il #malessere non arriva per metterci alla prova, bensì per mostrarci una strada; un’altra rispetto a quella che solitamente percorriamo.

Un regale cigno bianco, si avvicina ad una banchina all'ora del tramonto

25 aprile 2024

Lascia che l’#amore ti accarezzi ancora. Al di là di ciò che pensi, permetti a quell’#energia vitale che tutto può, di raggiungerti e nutrirti. Non pensare che tutto debba rispondere alla forma che tu hai in mente per esistere. A volte occorre spogliarsi delle proprie convinzioni e certezze per far sì che la #vita si manifesti nella sua bellezza. Credere e avere fede è solo il primo passo.

Delle gambe che camminano e lasciano delle impronte sulla sabbia

15 aprile 2024

Non c’è bisogno che tu abbia tutte le #risposte per poter procedere. A volte occorre semplicemente farsi le giuste #domande e saper stare con l’#incertezza che ne deriva. La #realizzazione non è il frutto di un percorso lineare e retto, senza indugi, ma l’#evoluzione di una serie di stati dove l’aspetto più importante è la tua #presenza. Sii totale nel momento che stai vivendo. Non c’è passo, anche all’indietro, che non abbia un senso, se fatto con #coscienza.

26 marzo 2024

Lascia che la #pioggia lavi via tutto quello che di sospeso è rimasto nell’aria. Permetti alla #tristezza di affiorare dolcemente, fai spazio alla #malinconia e non accanirti per evitare di sentire la #nostalgia. Ogni #emozione ha una sua dignità, rispettala. Asseconda il tuo stato d’animo del momento ed esplora con #curiosità le #sensazioni che ti arrivano. Sospendi il #giudizio e prova a stare con quello che c’è. Potrebbe stupirti la rapidità con cui tutto si trasforma.

2 aprile 2024

“Ciò che cresce lentamente,
mette radici profonde”.
Proverbio Ghanese

Lascia andare le #aspettative e concentrati sui tuoi piedi, sulle #radici che stai mettendo, giorno dopo giorno, curando con amore ciò che fai e le #relazioni che intessi. Non c’è niente di più importante di questo.

26 febbraio 2024

Non saltare giù dal letto non appena senti il suono della sveglia. Fermati un istante, non avere fretta. Fai tre respiri profondi e assapora con gratitudine l’esserti svegliat*. Non è scontato. Non succederà per sempre. Richiamalo alla memoria e da lì, dai valore ad ogni istante della giornata che è appena cominciata. Non affrettarti, non accumulare bagagli di esperienze prive di significato. Rallenta. Prendi con lentezza il tuo caffè, mastica a lungo la tua colazione. Senti il nutrimento entrare in circolo e l’energia piano piano salire. Il vero tesoro che puoi trovare in questo giorno non è lì fuori, ma adesso. Con te. Ora. Sii presente e inizierai a brillare.

12 febbraio 2024

Non c’è motivo perchè tu alimenti la tua sofferenza con pensieri ricorrenti. Lascia che la vita faccia il suo corso e che gli eventi si susseguano. Non tutto può essere controllato. Tantomeno le tue emozioni. A volte, occorre attraversare la tempesta per poter tornare ad abbracciare il sereno. Non ti crucciare della forma, ma resta vigile e fedele alla sostanza. Tutto troverà una nuova dimensione, devi solo dare tempo e avere fiducia.

29 gennaio 2024

Se non riesci a smettere di pensare a quel biscotto che da ore vorresti mordere, a quella pizza che ti sta aspettando lì nel forno, a quel gelato che hai comprato da poco e che ti sembra ti stia aspettando nel frigo… prova a chiederti cosa si sta muovendo in questo momento, dentro di te. Quali emozioni? Prova a rivolgerti questo interrogativi: Cosa mi manca? …cosa vorrei riempire? Quale vuoto avverto che mi piacerebbe saziare?

Poi mettiti una mano sul cuore e, prima di qualunque altra azione, accarezza la zona responsabile del tuo sentire. Dedicale attenzioni, amore e un sentimento di gratitudine. Non c’è cibo che possa appagare il nostro bisogno di amore.

22 gennaio 2024

Anche se ti può sembrare paradossale, per tornare a stare bene, non puoi fare altro che accogliere ciò che ti fa stare male, ti reca dolore, sofferenza, disagio. Più cercherai di allontanare dal tuo quotidiano quello che pensi non sia parte della tua vita, più questo camminerà al tuo fianco. Ogni istante. Fin quando non ne riconoscerai la presenza, il valore, l’insegnamento. Tutto ha una sua funzione.

15 gennaio 2024

A volte c’è bisogno di saltare nel vuoto, di buttarsi. Non sempre i rischi sono totalmente calcolabili… anzi, la maggior parte delle volte, nei nostri processi decisionali, dopo che abbiamo valutato le diverse opzioni possibili, è importante affidarsi. Alla vita e all’imprevedibilità. Voler controllare tutto e a tutti i costi, non soltanto è impossibile, ma ci priva dello slancio necessario affinchè i processi di cambiamento inizino. Sii caut* nel valutare le tue scelte, ma poi prendile e, splancando le ali, lanciati. Solamente così potrai davvero, iniziare a volare e spiccare il volo.

8 gennaio 2024

Tutti quanti noi siamo animali sociali che vivono con il bisogno continuo di rispondere ad um ambiente che ne richiede l’adattamento. Cercare l’approvazione da chi amiamo, non è strano, credere che il raggiungimento dei nostri obiettivi e del nostro benessere, possa essere un disagio per qualcun altro, può essere limitante.

18 dicembre 2023

Anche se spesso fai fatica a riconoscerlo e ad accettarlo, ricordati che non è una sensazione quella che tu senti di tanto in tanto. Non è un’impressione. Non lo stai sognando. Sei veramente divers* da tutti gli altri. Sei unic* e speciale. Il punto non è riconoscere in cosa ti differenzi o quali sono gli aspetti che ti piacerebbe modificare. Ciò che è veramente importante è che tu scopra e valorizzi la tua diversità. Investi le tue energie nel volerti conoscere. Fino in fondo. Non dare nulla per scontato e stai lontano da tutto ciò che vorrebbe inquadrarti secondo schemi e strutture prefissate e predeterminate. Sei fatt* per essere libero. Sei nat* per essere te stess*.

11 dicembre 2023

Prova per un istante a pensarci. Almeno una volta (e forse più di una), è capitato anche a te. Ti sei sentit* sol*, delus*, pers*, senza obiettivi e senza stimoli. Quello che eri solito fare, amare… improvvisamente sembrava che non ti interessasse più come una volta. E poi? …e poi, dopo aver pianto, esserti disperat*, aver sofferto… ad un certo punto, qualcosa è accaduto. Una luce ha illuminato il tuo buio e tu hai ripreso a vedere, a trovare una direzione, ad avere uno scopo. Bene. Ricordatelo e tienilo bene bene a mente. Non può piovere per sempre.

4 dicembre 2023

Non è continuando a giudicare quello che ti sembra necessario cambiare che arriverai alla serenità o allo stare bene con te stess*. Accogli chi sei, il corpo che abiti, il temperamento che ti caratterizzi, gli aspetti della vita che ti fanno battere il cuore. Onora i passi che hai percorso per arrivare fino a questo momento. Ringrazia gli errori che hai commesso perchè ti hanno permesso di fare esperienza. Imparare. Ri-conoscere cosa per te è giusto e cosa per te è sbagliato. Sospendi il giudizio e lascia che le cose siano. Senza etichettarle. Vedrai che a poco a poco qualcosa si modificherà.

27 novembre 2023

Non c’è fine a ciò che tu puoi sperimentare nella tua vita. Lascia da parte la sensazione di essere arrivat* e continua a spingere i tuoi paletti oltre quel confine sottile che tu stess* ti sei impost*. Evolversi, progredire… non significa sfidarsi o non accettare ciò che si è oggi. Nel presente. La vita è fatta per essere vissuta. Pienamente. Non sentendosi mai arrivati, ma piuttosto in continuo divenire. Giorno dopo giorno. Sbaglio dopo sbaglio. Esperienza dopo esperienza. Un respiro alla volta.

20 novembre 2023

Sii seren* di quello che percepisci. Non sempre la realtà la riusciamo a descrivere nelle sue diverse sfumature e nella sua interezza. Anche quando ci sembra che tutto stia perdendo di significato o di importanza, la vera scommessa, nello stare con quello che c’è, non è andare altrove o nascondersi sotto la sabbia, ma lavorare per trovare una risorsa. Non accanirti nel cercare spiegazioni, cause o ragioni. L’obiettivo non è lì dove stai portando le tue attenzioni. Non raggiungerai ciò che speri guardando in dietro, ma solo se aprirai il cuore e rivolgerai lo sguardo al domani.

13 novembre 2023

Non c’è bisogno di lottare continuamente, ogni giorno per la tua affermazione. Oggi, sii dolce. Gentile. Ricorda di aprire il cuore alle piccole gioie del quotidiano e tieni a mente che le emozioni che stai provando, per quanto intense, avranno comunque una natura transitoria, se tu le lasci fluire. Non siamo la nostra rabbia, non siamo la nostra paura, non siamo la nostra ansia o tristezza. Noi siamo, e questo dovrebbe bastarci. Dobbiamo avere cura ogni momento di questa vita e delle relazioni che la impreziosiscono. In primis quella con noi stessi.

6 novembre 2023

Esiste un seme dentro ognuno di noi che è qui solo per trovare la sua strada: per attecchire, germogliare e dare fiori e frutti in questa vita. Il seme sa che la strada per fare tutto ciò non sarà affatto semplice, eppure va dritto verso il suo obiettivo. La sua missione. La sua realizzazione. Quello che il seme ignora, così come fai tu, è che l’ostacolo più grande a divenire germoglio, non saranno le intemperie o gli imprevisti, ma la tua stessa mente. Tutte le volte che ti chiederai se stai facendo la cosa giusta (confrontandoti con gli altri), tutte le volte che ti giudicherai per non essere abbastanza, tutte le volte che metterai in discussione le tue doti, le tue abilità o il tuo sentire… non starai facendo altro che limitare il tuo seme e allontanare, ancora un po’ da te, la possibilità di sbocciare.

30 ottobre 2023

Se stai attraversando un momento no, piuttosto che rannicchiarti su te stess*, prova: 1) a svegliarti coltivando in te un senso di gratitudine per la nuova giornata appena cominciata; 2) ritagliati un momento per fare una passeggiata e ascoltare in silenzio i suoni che ti circondano; 3) pensa a qualcosa di nuovo che puoi fare per interrompere un’abitudine disfunzionale ormai consolidata nel tempo; 4) telefona ad una persona cara e dedica a chi vuoi bene, almento mezz’ora del tuo tempo quotidiano; 5) investi 10 minuti per lasciare andare qualcosa che non ha più motivo di occupare spazio nei tuoi armadi o nei tuoi cassetti; 6) elenca ogni sera almeno 3 cose che ti hanno donato una sensazione di piacere e vai a dormire coltivando dentro di te una sensazione di gratitudine per la giornata che si è conclusa.

23 ottobre 2023

Se devi impegnarti per far sì che qualcosa funzioni, significa che se smettessi di investire le tue energie, quel processo, quel contesto, quella relazione, non andrebbe avanti. Quando devi costantemente fare qualcosa perchè una situazione possa regalarti piacere, quando non puoi fermarti, perchè altrimenti sai che tutte le tue fatiche sarebbero state vane… allora forse è arrivato davvero il momento che tu scelga di non fare più niente. Ogni sforzo, ogni fatica va bilanciata. Se non c’è equilibrio, forse non è quella la strada che dovevi intraprendere e sulla quale è un bene che tu continui a sostare. Accogli la possibilità che ce ne possa essere un’altra. E un’altra ancora. Che non sia tutto o bianco o nero. Che niente è vano, ma tutto è trasformazione. E soprattutto, che la vita va vissuta non combattuta.

16 ottobre 2023

Cosa porti nelle tue relazioni? Ti adoperi giorno dopo giorno per offrire ciò che hai di più prezioso agli altri? Come nutri chi ami? Se vuoi essere felice davvero, ricordati che siamo mortali; ogni giorno potrebbe essere l’ultimo. Onora te stess* e ancor di più chi ti è accanto. Non lesinare parole o gesti gentili. Dona sorrisi, abbraccia quando puoi, ascolta il più possibile, sii disponibile il giusto, ma non risparmiarti. Chiunque incontri nel mondo, ricorda che ha un presente, ma anche un passato. Sii rispettos* del suo essere. Non serbare rancore e fai in modo di non avere rimpianti. Vivi il presente con totalità e costruisci con pazienza e amore il tuo domani.

9 ottobre 2023

Se qualcuno desidera far parte della tua vita, onoralo; al contrario, impara a lasciare andare. Non è sano odiare chi sceglie di non camminare più al nostro fianco, ma è fondamentale e funzionale al nostro cammino, amarlo a prescindere e salutarlo augurandogli il meglio. Piuttosto che nutrire i pensieri che riguardano le persone che si sono allontanate da te, tieni bene a mente chi invece ha scelto di esserti accanto: ringrazialo e valorizzalo.

2 ottobre 2023

Non si è forti, quando si è rigidi e reattivi ma piuttosto quando ci si allena a saper stare nelle situazioni che la vita ci propone con la capacità di saper sentire, pensare e scegliere il momento più opportuno per agire. La flessibilità non è una debolezza, ma una abilità. Sapersi piegare quando il vento è più impetuoso, violento, consente al ramo di non contrapporsi rischiando di spezzarsi.